Costi di apertura e gestione di un conto deposito

Tutti i conti deposito sono a costo zero, dunque:

  • Spese di apertura o attivazione = zero
  • Spese di chiusura = zero
  • Spese di gestione = zero

 

Persino l’imposta di bollo, dovuta per legge su ogni deposito, in molti casi è a carico della Società o Banca (vedi nuova imposta di bollo su conti deposito).

Discorso a parte merita la tassazione degli interessi, dato che si riflette sul rendimento effettivo.

Le somme depositate, infatti, fruttano interessi attivi soggetti ad una ritenuta fiscale del 26%, esattamente come avviene per i conti correnti bancari.

Tassazione conti deposito prima del 2012

Prima del 2012 gli interessi dei conti deposito erano soggetti ad un’aliquota fiscale del 27%, successivamente la tassazione nel 2012 migliorò, infatti l’aliquota fiscale sugli interessi passò dal 27% al 20%, consentendo di ottenere rendimenti netti molto vantaggiosi.
A partire dal 1° Luglio 2014 assistiamo ad un ritorno al passato, la ritenuta fiscale sugli interessi sale nuovamente portandosi al 26%

In passato l’aliquota del 27%, ed oggi del 26%, rappresentava uno svantaggio rispetto ad investimenti in strumenti finanziari: azioni, obbligazioni, titoli di stato, infatti, erano tassati al 12,5%.
Oggi, anche questi tipi investimenti sono tassati al 26%, rendendo i conti deposito uno strumento spesso imbattibile sotto il profilo della sicurezza e del rendimento!

Differentemente da altri investimenti, infatti, i conti deposito presentano le seguenti caratteristiche:

  • Investimenti Sicuri: garantiti dal FITD fino a 100.000 euro
  • Investimenti Redditizi: tassi di interesse elevatissimi, oggi si arriva fino al 5,10%
  • Investimenti non vincolati: è possibile prelevare in ogni momento il proprio denaro
  • Investimenti a costo zero: differentemente da altri tipi di investimenti, i conti deposito non prevedono commissioni, costi o spese di gestione

Per confrontare il rendimento di un conto deposito con il rendimento di un conto corrente tradizionale, di un libretto postale, di un buono fruttifero postale o di un investimento in Bot, potete utilizzare il nostro strumento di calcolo

Ultimo aggiornamento: 27 maggio, 2015

Pubblicato da

6 Opinioni su “Conti Deposito Gratuiti e senza costi”

  1. alberto ha detto:

    vorrei sapere se i conti on line vincolati sono soggetti alla nuova tassazione del uno per mille degli investimenti e quali sono le banche che se le tengono a carico

  2. Amministratore ha detto:

    Salve alberto,
    le nuove norme dovrebbero essere valide solo per i nuovi contratti.

    Se vuoi puoi tenerti aggiornato leggendo l’articolo in basso, dove inseriremo gradualmente tutti i conti deposito che continuano ad accollarsi l’imposta di bollo.

    Conti Deposito senza imposta di bolllo

  3. PaGoDa ha detto:

    Salve chiedevo gentilmente io per fare un bonifico on-line con le credenzilali della mia banca, pago una commissione di 1,10 euro, con i conti deposito quanto costa “spostare” soldi dal deposito al proprio conto corrente??Possibile che non ci siano commissioni di transizione??Possibile che questi conti deposito siano tutti gratis, ma tutto proprio tutto gratis???

  4. Sara - Contodeposito.org ha detto:

    Salve PaGoDa,
    la filosofia alla base di tutti i conti deposito è quella di non accollare nessuna spesa al cliente.
    Per essere sicuri al 100% consiglio sempre di leggere attentamente i fogli informativi, dove si trova conferma certa in merito alla convenienza economica di ogni singolo prodotto bancario.

  5. Federico ha detto:

    Buongiorno,
    vorrei sapere se Conto Arancio applica la nuova imposta di bollo anche sui conti deposito aperti prima dell’entrata in vigore della nuova normativa oppure solo sulle nuove aperture.

    Saluti.
    Federico

  6. Amministratore ha detto:

    Buongiorno,
    leggendo un articolo del Sole24Ore si evinceva che la nuova imposta di bollo non avrebbe colpito i contratti già in essere, tuttavia sarebbe utile capire come si stanno comportando le banche nel concreto.

    Se può esserti utile, abbiamo realizzato una tabella che aggiorniamo periodicamente, in cui elenchiamo le banche che ancora non applicano l’imposta di bollo.
    Saluti

Lascia un Commento