Number26 e Carta Mastercard – I vantaggi di N26

Cerchi un conto corrente gestibile da App? N26 Bank offre un conto che può essere aperto e gestito senza costi direttamente da smartphone.

Le banche che nascono “via app” stanno crescendo in numero. Tra le nuove nate c’è quella che si chiama Number26 che punta ai vantaggi della digitalizzazione assoluta e dei servizi online in generale. Si tratta di una banca con un fondatore giovane, e con idee “futuristiche” che non abbandonano però il conforto di strumenti di pagamento fisici, come il rilascio delle carte di pagamento del circuito Mastercard.

Fino ad oggi le opinioni che accompagnato l’ascesa di Number26 Bank sono positive, ma su alcuni aspetti contrastanti. Vediamo quindi se ciò che questa realtà bancaria ha da offrire è adatto alle proprie esigenze.

Come funziona la banca via app N26?

N26 o Number26 necessita, per poter aprire il proprio conto, anche della titolarità di un numero di telefono appartenente ad un Paese che si trova nella lista di quelli autorizzati, e uno smartphone che supporti l’installazione dell’app. Questa diventerà il cuore dell’interfaccia con cui gestire il conto, i pagamenti, la gestione delle carte di pagamento (come avviene per l’internet banking normale delle banche e i siti dei gestori che rilasciano una carta di credito, prepagata, ecc).

Una volta registrati, ottenuto l’Iban e autenticate le credenziali, si potrà gestire in modo semplice e diretto il proprio conto. Indubbiamente sul piano della comodità e facilità il giudizio continua ad essere positivo. Ovviamente come aspetto negativo c’è il fatto che se non si ha uno smartphone ma ancora un normale cellulare non si potrà scaricare l’app e quindi non si potrà usare il conto.

Per il resto si tratta di un conto che dal punto di vista funzionale può essere usato da tutti. Per quanto riguarda la convenienza bisogna fare una valutazione molto personale, in funzione di ciò che offre. Infatti a differenza di quanto si possa pensare, leggendo le varie pubblicità, non si avrà la possibilità di ottenere un bancomat o una carta di credito. La funzione della carta di debito potrà essere svolta dalla carte prepagata fisica.

Quanto costa e quanto rende?

Se si sta cercando un conto che offre anche una remunerazione sulle giacenze, allora non potrà essere preso in considerazione. Meglio andare su conti come Widiba o Webank. Se si desidera un conto on line facile da gestire ovunque, a costi contenuti, allora si può proseguire nella valutazione di ciò che può realmente offrire.

La prima cosa da fare è se si desidera aprire la versione del conto standard o di quello black. Quello standard non ha un costo di gestione fisso mentre quello Premium (che comprende una copertura assicurativa offerta da Allianz) prevede un canone mensile di 5,9 euro.

Al conto standard si può associare la Mastercard prepagata classica, mentre a quello Premium si può associare la versione Black.

Conto Canone fisso mensile Carta associata Servizi Accessori
Standard 0,00 euro Mastercard Standard No
Premium 5,90 euro Mastercard Black Sì (assicurazione)

Ci sono da considerare i costi legati all’uso delle carte, che sono uguali tanto per la versione standard che quella Black:

  • commissione di conversione valute: 1,75%
  • commissioni di prelievo: 2 euro (le prime 5 sono gratuite)

Indubbiamente qui non si gode di particolari vantaggi, specialmente considerato il fatto che prodotti simili spesso non applicano commissioni sul cambio delle valute(tra gli esempi troviamo Soldo.com).

Requisiti e modalità di apertura

I requisiti possono essere riassunti in:

  • avere la maggiore età;
  • avere la residenza in un Paese presente nella lista degli autorizzati (Italia è presente);
  • essere titolari di un numero di telefono italiano;
  • smartphone compatibile con installazione e gestione dell’app Number26

Se si hanno tutti questi requisiti per l’apertura si dovranno seguire le indicazioni della procedura guidata, con la compilazione dei campi obbligatori, e la fase conclusiva con l’uso della webcam. La stima fatta dallo stesso N26 è di soli 8 minuti per iniziare e finire l’iter che porterà ad avere immediatamente un Iban associato al conto. Come canali da apertura, vista la particolarità della struttura e funzionamento del conto, si dovrà procedere tramite l’apposito tasto “apri il conto” presente sul sito ufficiale.

Procedura guidata

  • dopo aver cliccato sul pulsante di apertura si dovrà inserire un indirizzo e-mail valido e il Paese di residenza. Per l’Italia si deve inserire Italy;
  • si deve selezionare Apri il conto;
  • nella pagina successiva viene data la stima dei tempi necessari che serviranno per seguire tutte le procedure (inserimento dati 3 minuti; verifica della mail 5 secondi; scelta del conto tra standard o premium 1 minuto; verifica dell’identità tramite webcam e videochat 3 minuti; attivazione del conto 1 minuto). Qui si dovrà cliccare sul pulsante “facciamolo”;
  • si dovranno inserire i dati personali veritieri in tutti gli spazi obbligatori;
  • creazione dello username e password (che deve avere almeno 7 caratteri, compreso uno numerico e una lettera maiuscola);

  • il numero di telefono principale;
  • indirizzo di residenza (servirà anche per la spedizione della carta fisica Mastercard collegata al conto scelto);
  • quindi completare la parte “legale”;
  • sesso (maschio o femmina);
  • tipo di occupazione;
  • città di nascita e cittadinanza;
  • opzionale codice fiscale;
  • si devono dare le approvazioni per la privacy (anche qui ci sono quelle obbligatorie e quelle facoltative);
  • si dovrà confermare l’indirizzo e-mail;
  • da qui poi si passerà alla fase di autenticazione che avviene tramite webcam e la necessità di rispondere ad alcune domande (il personale abilitato di IDnow farà delle foto ai documenti di identità che bisognerà esibire durante la videochat). Come documento bisogna esibire la carta di identità.

Sicurezza e protezione dati

Il sistema usa la crittografia prevista per conti bancari. Il riconoscimento dell’identità della persona che apre il conto avviene tramite intervento della società partner IDnow che usa l’app mobile N26 (per questa sono richiesti come requisiti di base Android 4.4 e iOs 7.0).

Non bisogna avere timori poiché per la legge sulla privacy i propri dati saranno utilizzati solo per l’uso previsto ovvero l’apertura del conto.

Conclusioni

Le novità fanno sempre gola. Riguardo però a Number26, per ciò che propone non necessariamente è da considerarsi un sostituto di un conto corrente reale. Anche la possibilità di poterlo usare all’estero lo può rendere un prodotto interessante ma a condizioni che non risultano particolarmente vantaggiose o convenienti.

Ultimo aggiornamento: 19 giugno, 2017

Pubblicato da

I Commenti sono chiusi